Quando hanno voglia di litigare…

Ennesima grande app che passa al modello in abbonamento: PDF Expert di Readdle, con la versione 7, raggiunge Ulysses, Drafts, TextExpander e tanti (troppi?) altri.

Ho già espresso le mie opinioni riguardo allo switch in questione: ci sono casi in cui ha senso, o almeno lo ha per me (Ulysses), altri in cui proprio ne faccio a meno (TextExpander e Drafts, di cui continuo ad usare felicemente le versioni pre-abbonamento), altri ancora in cui spero che la questione non si ponga mai (Hazel).

Quello che questa volta ha attirato la mia attenzione è qualcosa che – in realtà – si è già verificato in precedenza (in quasi tutti i casi citati): l’ondata di polemiche seguenti all’annuncio.

Anche qui, torno ad esprimere una parte dei ragionamenti già fatti in passato: a prescindere dalla “sensatezza” o meno dell’operazione, la chiave per farla accettare al maggior numero possibile di utenti risiede nelle modalità di comunicazione del cambio.

Francamente, trovo difficile comunicare un cambio (significativo e – stante il numero alto e crescente di casi – anche potenzialmente destabilizzante) in maniera migliore di questa:

Pare che più di un utente, almeno tra i più “rumorosi”, abbia problemi con l’italiano.
Traduco per i più insicuri: “abbiamo introdotto nuove funzionalità, decidendo contestualmente di farvele pagare un tot al mese; tutto ciò per cui avete già pagato resta a vostra disposizione”.

Insomma, se adoravate PDF Expert, continuate pure a basarci il vostro flusso di lavoro con i PDF (personalmente farò così). Se vi attirano le nuove funzionalità, avete un’alternativa: pagare per l’abbonamento gli sviluppatori della vostra app preferita, oppure rivolgervi altrove, in toto o solo per quelle specifiche funzionalità.

Come si è detto in passato, la libertà di scelta data al cliente è la vera differenziazione, quella che determinerà il successo meritato o il clamoroso fallimento dei vari “esperimenti”.

Stay Tuned,
Mr.Frost

2 thoughts on “Quando hanno voglia di litigare…

Se proprio non ne volete sapere di Twitter, scrivete qua...