Skip to content

Tag: AppleWatch

Quote Of The Day

The Watch is Tim Cook’s product. And in the perfect Tim Cook way — subtle, understated, but incredibly powerful — he’s improving the world.

Filling the Green Circle – Marco.org

È di più di un anno fa, ma posso (finalmente) confermare che è assolutamente vero in ogni sua singola parola.

Stay Tuned,
Mr.Frost

Leave a Comment

Quote Of The Day

The Watch is flawed, no doubt. Just like the original iPad, the iPhone, the iPod, and the Mac were before it. But there’s no question in my mind, one year into wearing this thing every day, that it’s a device that has a bright future. The vast majority of Apple customers will never witness these growing pains. They will buy version four or five. Don’t let your early adopter frustrations cloud your perspective on how most people view these products in the long run.

Joe’s Blog » Apple Watch: Almost a Year

Stay Tuned,
Mr.Frost

Leave a Comment

Regala un Watch ad un blogger

…che poi sarei io. O voi, se avete un sacco di lettori (cosa che io non ho) e un sacco di fortuna (cosa che io – in questo campo – non ho).

Buy Me A Pie!, tra l’altro forse la migliore app per la lista della spesa che abbia mai provato (residente in pianta stabile su tutti i dispositivi di famiglia, e come bookmark anche sul Mac), indice un concorsone per ragalare un Watch.

Scaricate la app da qui, apritela una volta e mi “darete un voto”. Chiaro che poi la vincerà qualche fescion blogger USA con millemilamigliardi di lettori, ma vabbé.

L’app è fatta bene, gratuita, e risolve un problemino quotidiano. Cosa volete di più, un Watch?

Stay Tuned,
Mr.Frost

Leave a Comment

Lifeline – Il Tamagotchi dell’era spaziale

Chi si ricorda il Tamagotchi? (non l’attuale versione, l’originale)
Ok, ora: chi si ricorda senza un moto di ribrezzo il Tamagotchi? Già meglio.

Il piccolo bastardo richiedeva una quantità di attenzione superiore a quella che qualunque ragazzino dell’età cui era destinato avrebbe potuto legalmente dedicarvi, il tutto per evitare che la sua miserabile esistenza a (circa) 30 pixel finisse precocemente (mai abbastanza presto, se lo chiedete a me).

Tutto questo Amarcord per introdurre una piccola gemma contemporanea: Lifeline per iOS.

Lifeline è un gioco per iPhone e Watch, in cui dovete aiutare una creatura sperduta e sostanzialmente dipendente da voi a sopravvivere.

Solo che, in questo caso, la creatura è un astronauta di nome Taylor.
Taylor è sopravvissuto allo schianto della propria nave – il Varia – contro una non meglio identificata luna di Tau Ceti.
Non si sa come, è sopravvissuto, e può comunicare, ma solo testualmente.

E solo con voi.

A voi quindi il piacere di guidarlo nelle numerose scelte che si frapporranno tra lui e – sperabilmente – la salvezza.
O quantomeno, una morte non troppo brutta.

Se vi piacciono le belle storie. Se amate la tensione calibrata, non eccessiva. Se avete amato i Libri game (io sì, li adoravo – anche se di tanto in tanto baravo). Se guardando un film dell’orrore o di azione, magari di fantascienza, siete sempre quelli che “io avrei fatto diversamente” (io spesso, lo confesso – e spesso ci azzecco, ma questa è un’altra storia).

Se tutti questi se (ed altri ancora ce ne sarebbero) vi solleticano, fatevi del bene. È anche temporaneamente in offerta.
Vado a vedere come sta Taylor.

Stay Tuned,
Mr.Frost

Leave a Comment

Pavlov quotidiano

With each type of device, we sacrifice a little more of the world immediately around us in exchange for the virtual one. Desktop computers are things of total immersion, where we’re almost piloting a machine. Laptops let us enter that machine from a wider variety of starting locations, and perhaps let us climb out more easily. Then we have mobile devices, which superimpose the digital world as a semi-transparent overlay on every part of our lives.

We’ve been trained by these objects. We’re presented with stimuli, and we display conditioned behaviour. Notifications and interruptions permeate the membrane between actual life, and our electronic existence – and our devices are the conduits.

The problem with notifications is that they occupy the junction of several unhealthy human characteristics: social pressure of timely response, a need for diversion, and our constant thirst for novelty. Mobile devices exacerbate that issue by letting us succumb to all of those at any moment.

Distractions – Matt Gemmell

Splendido post, da uno che non la pensava proprio così all’inizio (per sua stessa ammissione, il che rende tutto ancor più notevole).

Stay Tuned,
Mr.Frost

Leave a Comment

La Cosa

Very few notice the thing on the wrist. That makes me happy. But some do see it. Once they see it they say, Oh is that the thing? And I say, Yes it is the thing. And they ask, Has it changed your life? And I shrug. And they are so disappointed. They want me to say, Yes. Yes it has changed my life. The wrist thing. It’s made me a better man, a stronger man, a more thoughtful man. But, no. This is what I say: I say, Look, it shows maps. And they Ooooo. And I show them the remote camera and they Ahhhhh. And I say, look — my heartbeat. And they say, Wow, you have a high resting heart rate. And I sigh and say, I know. Oh, how I know.

Craig Mod – Upon This Wrist

Probabilmente la migliore non-recensione di Watch che abbia letto finora.

Stay Tuned,
Mr.Frost

Leave a Comment

Con discrezione

Your Apple Watch becomes the most discrete way to stay connected when at fancy events, or anywhere really. My wife and I no longer need to check if the babysitter is trying to reach us — our Apple Watch will tap us if she is. There’s essentially no reason to use our iPhones, and no anxiety felt for fear of missing something “important”.

Ben Brooks – The Discreet Watch

Ben Brooks mette in luce un altro punto a favore dell’Watch, ma è in realtà un punto a favore di qualsiasi buona tecnologia: funziona senza essere invadente.

Abbiamo più volte detto quanto la buona tecnologia, i buoni gadget, come i buoni strumenti, sappiano essere trasparenti: fondersi talmente bene nel nostro quotidiano da diventare naturali ed invisibili.
Per questo speso diamo per scontati i gadget che ci rendono la vita più facile: perché gran parte di quel rendercela più facile è dovuto al fatto che non ce ne accorgiamo.

Discreti, per l’appunto.

Stay Tuned,
Mr.Frost

P.S. Ormai mi appare chiaro quanto le aspettative, che già normalmente influiscono sul giudizio che abbiamo di un gadget elettronico, abbiamo un peso enorme sulla valutazione di questo oggetto. A tal proposito:

I am starting to wonder if we are already more than connected enough that a smart watch, in its current iteration, does not offer enough to make people switch. When they can truly do practical things that are beneficial, maybe the market will grow exponentially and even start to take the place of a phone.

Shaun McGill

Leave a Comment

Quote Of The Day

The watch will quickly just fit into your life. It was a lot of fun playing with watch faces and apps the first day but by the second day, the Apple Watch was just part of my routine. I communicated with it. I told time with it. I kept track of my activity with it. When I wasn’t doing one of those things, I wasn’t thinking about it. The iPad and iPhone both turned my life upside down for weeks after I first got them. The watch did not have the same effect. Once I sorted it out, I just started using it. I think that is a good thing.

Two Days With the Apple Watch — MacSparky

Stay Tuned,
Mr.Frost

Leave a Comment

Quote Of The Day – John Gruber

If you don’t see the joy in that having come to fruition — both sides of it, the function and the style, the engineering and the design — then of course you’re not going to see the point of all the hoopla surrounding Apple Watch. And if you do see the joy in it, if you do think it’s cool that it even exists, then don’t overthink it. It’s a cool watch that does cool things.

Daring Fireball: Watch, Apple Watch

Leave a Comment

Solo un altro libretto d’istruzioni

Of all the “real” apps I tried in my Apple Watch demo, Maps stood out as the most uniquely useful—as one I’d actually use if I had an Apple Watch. And it, too, is based on quick glances. You start directions, then drop your wrist. It’ll pulse when you need to turn, so you’ll lift up your wrist, see the next step on the map, and keep going. In, out. Quick info, and you’re good.

Maybe one day 3rd party apps can be that good. But for today, for the sake of battery life and our own attention spans and being a device that does something truly unique, I wish there was a bit more you could do with the watch faces and complications. Just a few more options and app integrations and smarts, so you could use the watch face and nothing else, and feel like your device was truly a valuable addition to your life.

Because if it’s just another place for the same apps we’re already using, we already have a Mac and iPhone and iPad to run them on. It’s hard to want another device just for that.

Matthew Guay – What is the Apple Watch? On Complications, Complicated Marketing, and Creating a Better Watch – Techinch

Solo parzialmente d’accordo. È palese che l’Watch non debba ridursi ad uno “schermo secondario” di un iPhone, iPad o qualunque altro gadget. Non se lo può neppure permettere, o dovrebbe costare 20$.

Tuttavia, credo si piuttosto evidente il parallelismo tra il sentiero tracciato a suo tempo con iPhone e quello impostato ora con questo smartwatch.
All’epoca dell’uscita del primo modello, l’iPhone venne criticato per la mancanza di funzioni che molti ritenevano basilari, ed in alcuni casi parevano davvero essere il minimo sindacale che si dovesse offrire: quale terminale avrebbe potuto qualificarsi come smartphone senza avere funzioni quali il copia e incolla o gli mms (specie nella preistoria dell’instant messaging)?

Coloro che muovevano simili critiche avevano gioco facile, perché anche i sostenitori dell’eccezionalità dell’iPhone nutrivano le medesime perplessità.
Le differenza[1] stavano però in quella che potremmo definire come ampiezza di vedute.

L’iPhone aveva potenziale. Chi lo vedeva provava a farlo capire a tutti gli altri. Non che negasse le mancanze, ma aveva la sensazione precisa (e fortunatamente fondata) che il futuro avrebbe portato con sé non solo lacune colmate, ma qualcosa di completamente inimmaginabile all’epoca.

Il discorso si ripete oggi; posso essere d’accordo sul fatto che le limitazioni imposte nell’accesso ad hardware e funzioni dell’Watch suoni come un azzoppamento della piattaforma.
Ma penso anche che la nostra fiducia nella capacità del Watch derivi da un’esperienza falsata: noi crediamo che siccome iPhone e iPad funzionano così bene, allora anche Watch sia da subito all’altezza.
Ma né iPhone né iPad sono stati così da subito: la piattaforma è cresciuta nel tempo, grazie all’inventiva degli sviluppatori ed ad un ferreo controllo da parte di Apple.[2]
Le funzioni sono sempre state aggiunte gradualmente, quando Apple riteneva che l’hardware fosse pronto e che l’utenza fosse pronta. Quando avrebbero aggiunto possibilità invece di caos.

Provate a pensare di passare da un Blackberry del 2007 ad un iPhone. Attuale.

Sì, vivete nel futuro. Ma non ci siete arrivati passo passo, ci siete stati scongelati come Stallone. Non una bella esperienza.
Leggo di persone che masticano abitualmente una dose di tecnologia e gadgets superiore alla media che hanno bisogno di una fase di familiarizzazione con l’Watch: paradigmi nuovi, interfaccia che non somiglia a nient’altro, modi d’uso da esplorare, assimilare ed in una certa misura creare da zero.

Scatenare sin d’ora tutta la potenza di fuoco del dispositivo non aiuterebbe a familiarizzare con esso, né a rendercelo davvero utile; sarebbe solo un altro libretto di istruzioni da studiare, e, siamo sinceri, nessuno legge i libretti d’istruzioni.
Questo Apple non può permetterselo.

Stay Tuned,
Mr.Frost


  1. Succede quasi sempre, in realtà. C’è chi vede arrivare il futuro prima e più chiaramente di altri. Non c’è da farsene un vanto, non è una dote costantemente in esercizio, funziona un po’ come e quando vuole… Ma capita.  ↩
  2. Il caro, vecchio discorso del giardino recintato. Ecco, questo è uno dei (tanti) motivi che me lo fanno preferire al wild & free (apparente) di altre piattaforme.  ↩
Leave a Comment