Skip to content

Quote(s) Of The Day

[…] moltissimi ambasciatori del tecno-entusiasmo digitale sono rimasti attaccati a una loro visione di strumento salvifico che ci avrebbe resi tutti più belli, liberi e intelligenti, con una “new economy” e la democrazia a regnar sovrana. Se pensiamo che “gli idealisti libertari che progettavano un nuovo mondo di sapere e opportunità alla portata di tutti” [1] siano stati sconfitti dalle forze del male e del fatturato dimentichiamo che questo è stato fatto con la complicità di milioni di persone, affamate di servizi, banda, prestazioni totalmente gratuite ma che in qualche modo devono pur ripagarsi.

Più la velocità dei bit aumenta, più rallentiamo scegliendo di andare a piedi in bici, in barca a vela; più la realtà noiosa – soldi, contratti, burocrazia, documenti – si digitalizza, più scegliamo di dare corpo e mani alla realtà divertente – pane, orto, cucina, calligrafia. Più informazioni abbiamo, più spazio diamo al nostro corpo: corriamo, balliamo, cantiamo, senza pretese agonistiche, artistiche o di prestazione.

#Luminol. Tracce di realtà rivelate dai media digitali – Mafe De Baggis

Stay Tuned,
Mr.Frost


  1. Come da quarta di copertina di “Rete Padrona” di Federico Rampini (2014), Feltrinelli.  ↩