Skip to content

Oh, coraggio…

He just said the wrong thing. Or, if you prefer, he said the right thing, the wrong way.
Had he said something like “courage of our conviction,” I bet there would not be such outRAGE. It sounds ridiculous, I know. But I really believe that.

CouRAGE

Spesso io e Siegler siamo d’accordo; apprezzo quello che scrive e come lo scrive, il più delle volte, ma questa volta concordo solo su un aspetto: tutta questa polemica sull’uso della parola coraggio da parte di Schiller è ridicola .
Si parte dalla semantica (quelli più fuori di testa arrivano a dissertare in termini filosofici, e giù migliaia di caratteri di rara stupidità su Apple che offende i veri esempi di coraggio) e si finisce a discutere dei massimi sistemi per contestare una singola parola il cui significato era assolutamente palese.

Ed era, lasciatemelo dire, perfettamente corretto.

Tutti quelli che ora dicono che Apple ha esagerato ad utilizzare un termine simile hanno quantomeno la memoria corta.

Nelle settimane passate, nei mesi passati, il tenore dei commenti sull’argomento era il seguente:

What exciting times for phones! We’re so out of ideas that actively making them shittier and more user-hostile is the only innovation left.

Apple is ditching the standard headphone jack to screw consumers and the planet

iPhone 7: 6 motivi per cui togliere il jack audio è una pessima idea

Tutto questo originato da una singola, supposta scelta progettuale, di cui non conoscevamo le ragioni, effettuata su un prodotto commercialmente ancora inesistente.

Tutto questo, diretto a massacrare preventivamente la società hi-tech con maggiore visibilità e riconoscibilità al mondo, colpendo il suo prodotto di punta (quello stesso prodotto che, ricordiamolo, è sotto molti aspetti il maggiore successo commerciale singolo della storia).

Ricordiamo ai medesimi soggetti affetti da amnesie selettive, che – tanto per dire – Microsoft ha creato Windows 10 per stemperare la furia omicida dei propri utenti in seguito alla rimozione del menù Avvio.

Quindi sì, c’è voluto del coraggio.

Coraggio nell’andare incontro alla shitstorm strumentale sviluppatasi grazie a chi deisderava ardentemente vedere il numero delle visite al proprio Blog/sito/account Medium salire vertiginosamente.

Coraggio nel proporre, ancora una volta, una soluzione che adesso sembra stupida, ostile agli utenti ed ingiustificabile, e che improvvisamente sarà “industry standard” quando tra un anno o meno tutti i maggiori produttori l’avranno compiuta (qualcuno ha addirittura anticipato Apple, vero Lenovo? Vero, LeEco?).

Concludo con una considerazione che parte da questo falso problema per affrontarne uno leggermente più serio, a mio avviso: se davvero pensate che l’unico significato accettabile del termine coraggio sia quello di piazzarsi ostinatamente davanti ad un carrarmato, ricordatevi che stiamo parlando solo di telefoni. Perchè avete seri problemi di prospettiva se non riuscite a cogliere la diversa portata delle due cose.

Stay Tuned,
Mr.Frost

P.S. Siegler stesso, purtroppo, *ribadisce*la propria posizione, e la pezza è peggiore del buco:

Removing the headphone jack didn’t require courage, it required Apple doing what Apple always does: pushing forward towards a future they see as inevitable.

In pieno stile armiamoci e partite. Desolante.

P.P.S. Anticipo coloro che si scaglieranno contro il marketing eccessivamente roboante di Apple e mi permetto un paio di considerazioni in merito:
– Apple fa così, da anni, per moltissimi aspetti dei propri prodotti (in senso lato): magical, impossible ed altre iperboli si sprecano, al punto tale da aver dato vita a parecchie parodie divertenti, incluso un account fittizio di Jony Ive su Twitter(@JonyIveParody) che consiglio di seguire. Chi si scandalizza ora avrebbe dovuto contestare quasi ogni singolo passaggio cardine dei Keynote degli ultimi anni.
– Ad un (effettivo) eccesso di autocelebrazione e “marketing buzzword” da parte di Apple, si sta reagendo in maniera scomposta e con un peccato ugualmente grave: uno stucchevole eccesso di retorica; utilizzare Anna Frank per criticare il produttore di un telefono su una scelta progettuale mi sembra davvero fuori luogo.