Skip to content

Lifeline – Il Tamagotchi dell’era spaziale

Chi si ricorda il Tamagotchi? (non l’attuale versione, l’originale)
Ok, ora: chi si ricorda senza un moto di ribrezzo il Tamagotchi? Già meglio.

Il piccolo bastardo richiedeva una quantità di attenzione superiore a quella che qualunque ragazzino dell’età cui era destinato avrebbe potuto legalmente dedicarvi, il tutto per evitare che la sua miserabile esistenza a (circa) 30 pixel finisse precocemente (mai abbastanza presto, se lo chiedete a me).

Tutto questo Amarcord per introdurre una piccola gemma contemporanea: Lifeline per iOS.

Lifeline è un gioco per iPhone e Watch, in cui dovete aiutare una creatura sperduta e sostanzialmente dipendente da voi a sopravvivere.

Solo che, in questo caso, la creatura è un astronauta di nome Taylor.
Taylor è sopravvissuto allo schianto della propria nave – il Varia – contro una non meglio identificata luna di Tau Ceti.
Non si sa come, è sopravvissuto, e può comunicare, ma solo testualmente.

E solo con voi.

A voi quindi il piacere di guidarlo nelle numerose scelte che si frapporranno tra lui e – sperabilmente – la salvezza.
O quantomeno, una morte non troppo brutta.

Se vi piacciono le belle storie. Se amate la tensione calibrata, non eccessiva. Se avete amato i Libri game (io sì, li adoravo – anche se di tanto in tanto baravo). Se guardando un film dell’orrore o di azione, magari di fantascienza, siete sempre quelli che “io avrei fatto diversamente” (io spesso, lo confesso – e spesso ci azzecco, ma questa è un’altra storia).

Se tutti questi se (ed altri ancora ce ne sarebbero) vi solleticano, fatevi del bene. È anche temporaneamente in offerta.
Vado a vedere come sta Taylor.

Stay Tuned,
Mr.Frost