Skip to content

Lacrime di coccodrillo

Marco Arment ha ritirato Peace, il suo content blocker, dall’AppStore.

Dice che lo mette a disagio la tecnica “o tutti o nessuno” dell’adblocking consentita dalla sua stessa App.

Pessima mossa nei confronti degli utenti, che hanno riservato a Peace un’accoglienza clamorosamente buona; e non serve a mitigare la scorrettezza il fatto di mettere le mani avanti riguardo alle critiche, o il postare contestualmente un link all’AppStore per ottenere il rimborso.
Personalmente non chiederò nessuna restituzione dei 2,99€, ma non userò nemmeno il programma, almeno per ora, sostituendolo con Silentium di Francesco Zerbinati.

Peccato che Arment non si sia accorto che la soluzione al suo dilemma morale – a posteriori, o vuole davvero farci credere di aver sviluppato Peace interamente nelle 24 ore precedenti il lancio? – fosse nelle preferenze stesse della sua applicazione, in quell’opzioncina in basso che istituisce una whitelist.

Lacrime di coccodrillo.

Stay Tuned,
Mr.Frost