Skip to content

Il post che doveva essere un’altra cosa

Why does a brand-new phone have two web browsers, two email apps, two app stores, a handful of music and video services and four different messaging apps?

Fahrad Manjoo – With Galaxy S6 and S6 Edge, Samsung Tries to Regain Its Footing – NYTimes.com

Il problema non è solo l’imposizione da parte del produttore del proprio software sul terminale. Anche l’eccesso opposto crea problemi, anche se in un caso e nell’altro abbastanza facilmente risolvibili.
Resta però significativo, a mio avviso, come la dicotomia tra sistemi “puliti” Apple e ammassi di “bloatware” PC risulti esattamente (sinistramente?) replicata nel settore mobile, con Android a fare le veci dell’OS di Redmond.
In realtà, a pensarci bene, sono tante le similitudini tra i due sistemi: nulla o quasi la sinergia tra hardware e software (e ridotti, al momento, i tentativi di cambiare lo status quo, da parte di Google con i già morti modelli Play Edition e gli inspiegabili Nexus, e per quanto riguarda Microsoft con i Lumia e i Surface), una moltitudine di produttori di terminali che spesso e volentieri riempiono di personalizzazioni non richieste, non gradite e “pesanti” il sistema base. Quasi ogni fascia di prezzo viene coperta, anche quelle ridicolmente e palesemente non profittevoli. Qualità assolutamente oscillante tra estremi lontanissimi tra loro, tendenza ad impressionare con numeri, dati para-tecnici e features di dubbia utilità e dal funzionamento non sempre garantito.
Tutto questo comunque per consigliare una volta di più la lettura della recensione di Manjoo sui nuovi Galaxy S6: equilibrata, completa pur mantenendosi al di sotto della soglia di illeggibilità, dice tutto quello che c’è da sapere su questa svolta di Samsung.
Con l’unica eccezione, scusabile perché servirebbe la palla di cristallo o l’arroganza incosciente dei peggiori autoproclamati esperti, di non saperci dire se la nuova linea verrà mantenuta, o se gli ormai noti problemi di mentalità del gigante coreano mieteranno vittime anche in questo caso.

Stay Tuned,
Mr.Frost

P.S. Questo tipo di post giustifica l’esistenza del tag Deliri…