Il futuro di Pocket Casts

Pocket Casts è stato acquisito da un consorzio formato principalmente da radio pubbliche americane.

Due commenti riassumono perfettamente la reazione ambivalente di chi, come me, ritiene Pocket Casts il più versatile software per la riproduzione di podcast attualmente in circolazione.

Il primo è dell’immancabile Viticci, che pare condividere una certa preoccupazione di fondo, anche se sulla carta l’affare è più che buono:

According to Ivanovic, Pocket Casts will remain a standalone, open, and premium podcast client in the short term. I’m curious to see how Pocket Casts will change over the next several months though. Large radio stations and podcast companies seem to have a certain affinity for locked-in ecosystems and proprietary listening features at the expense of the open nature of podcasting. I won’t be surprised if Pocket Casts eventually prioritizes programming by the companies that own the app. However, I also hope that the folks at Shifty Jelly will be able to continue making the open, elegant, and powerful podcast app I’ve used over the years.

Macstories

L’altro, forse leggermente più ottimista, è di quelli di The Verge:

For those of us who’ve used and enjoyed Pocket Casts, this should be good news and points to a promising future. Some might have pause over content from Pocket Cast’s new owners potentially getting preferential treatment and visibility over other podcasts. But that scenario seems unlikely to me.

The Verge

Certo, resta un’ombra su tutta l’operazione, ben esplicitata da quello “should”. Tuttavia, per non devastare completamente un gran pezzo di software, è sufficiente a mio avviso non toccare la formula d’acquisto (questa cosa degli abbonamenti ci sta sfuggendo di mano, prima o poi ci tornerò…devo ancora mettere a fuoco) e non istituire corsie preferenziali troppo “sfacciate”.

(Quasi) tutto il resto sarà benvenuto.

If ain’t broken, don’t fix it.

Stay Tuned,
Mr.Frost