Skip to content

Don’t touch My Air

I also found it weird that people reacted so adversely to the lack of ports. An iPad has only one port and nobody complains about that. In an era where everything lives online I think such a machine can really work for a certain group of people. People who AirPlay presentations, whose files sync across Dropbox and iCloud, who take photos with an iPhone and sync them with iCloud Photo Library. Well, basically those people who can be productive on an iPad but prefer or need OS X.

MacBook Air 12"

Centrato il punto, ancora una volta.
Ho avuto le stesse perplessità appena ho letto le reazioni all’ipotetica – ribadiamolo, ipotetica – presenza di una sola USB type-C nell’ipotetico – ribadiamolo, ipotetico – nuovo MacBook Air da 12".

Ne veniamo da anni in cui c’è stato, pur con critiche su singoli aspetti e malfunzionamenti, un generale coro di apprezzamento per il concetto di “mondo post-pc”.
Il cloud è il futuro, le limitazioni come “aiuto al focus”, la complementarietà tra dispositivi diversi, ognuno “specializzato” in un ambito d’uso differente, la centralità dei dati rispetto al device fisico (iCloud, Handoff, Continuity).

Però.

Però, nel momento in cui viene presentato quello che concordo con Verschoren nel definire come “l’iPad se utilizzasse OSX”, forti della presenza di una linea MacBookPro a coprire il segmento di chi utilizza un portatile “standard” (e nel top di gamma molto performante), apriti cielo: una sola porta, espandibilità ridotta, disperazione per la scomparsa del MagSafe (quando quasi tutti quelli che hanno un Air sbandierano la possibilità di lasciare l’alimentatore a casa per tutto un giorno lavorativo).

Non so da cosa sia causata questa sorta di isteria collettiva: forse il salto è davvero di quelli da far tremare i polsi.
Ma non è stato forse così anche con il primo Air?
Con la morte del floppy?
Con l’abbandono dei supporti ottici?

Stay Tuned,
Mr.Frost

P.S. Ero indeciso se dedicare un post a parte al punto di vista di Jason Snell, come al solito ben ragionato e piuttosto distante dal sentire comune.
Ma poiché molte delle considerazioni lì svolte sono comuni all’autore, a me ed al blogger sopra linkato, penso sia sufficiente una nota ed una citazione:

Does Apple feel the current MacBook Airs are truly representative of the MacBook Air name? Has the MacBook Pro’s role as the go-to laptop for portable professionals been usurped by the Air? […] would Apple release a laptop with no dedicated power cable, ditch a bunch of traditional ports, and funnel every bit of power and wired connectivity through a connector that it has never before used, all in the name of creating a thinner and lighter laptop? Are you kidding? Of course it would.